Breaking News
{"effect":"\u201dfade\u201d","fontstyle":"x-small","autoplay":"true","timer":4000}
;

Ipotesi Lion Air JT610: tentativo di uscire dallo stallo

Ipotesi Lion Air JT610: tentativo di uscire dallo stallo

Mentre la Boeing emette un bollettino di sicurezza per quanto concerne le pratiche da eseguire nel caso in cui i sensori forniscano dati erronei alla cabina di pilotaggio, emerge un ulteriore ipotesi su quanto può essere accaduto al volo JT610 della Lion Air.

Volo Lion Air JT610: possibile tentativo di uscire da uno stallo

Oltre al rilevamento errato della velocità, emerge la possibilità che sul velivolo PK-LQP vi fossero problemi anche nel rilevamento dell’angolo d’incidenza. Quest’ultimo rappresenta il valore per il quale l’aereo mantiene il volo ed è misurato sulla base della posizione delle ali. In particolare, l’angolo di incidenza consente di valutare se la punta del velivolo è in posizione corretta, in modo tale da evitare lo stallo. Risulta inoltre la sostituzione del sensore dell’angolo di incidenza sull’aereo della Lion Air.

Il modo in cui il Boeing 737 Max 8 è precipitato nel Mare di Giava, lascia pensare ad un tentativo da parte dei piloti di uscire da una situazione di stallo, riportando il velivolo in sicurezza. Infatti, nel momento in cui si verifica uno stallo, i piloti riprendono velocità ponendo la punta del velivolo verso il suolo e riprendendo poi quota verso l’alto una volta recuperata la velocità aerodinamica.

Boeing PK-LQP: a tutta velocità verso l’acqua

Il Boeing del disastro aereo aveva la punta rivolta verso il basso, posizione anomala per tentare un atterraggio d’emergenza in acqua, ma compatibile con il tentativo di riprendersi da uno stallo. I piloti potrebbero aver fallito nel tentativo scontrandosi  con problemi nel rilevamento della velocità.

Il quadro attuale risulta allarmante sia per via degli errori nel rilevamento della velocità, sia per il fatto che anche i sensori dell’angolo di incidenza potrebbero aver fornito dati erronei. Non è infatti da escludere l’ipotesi di una concomitanza di dati irreali, considerando il modo in cui la punta dell’aereo era posizionata verso l’acqua.

Conferme dell’ipotesi dal comunicato della Boeing

Nel comunicato dell’azienda produttrice statunitense si legge: “Il comitato per la sicurezza del trasporto nazionale indonesiano ha indicato che il volo Lion Air 610 ha ricevuto input errati da uno dei suoi sensori AOA (Angle of Attack)”, per l’appunto l’angolo di incidenza.